• Storie
Pubblicato May 3, 2019

Vale La Pena Estendere?

Valutiamo i pro e i contro del programma di estensione

Di Jennifer Parker

Dopo 6 mesi negli Stati Uniti, ti arriverà un’e-mail da Cultural Care con la quale potrai scegliere se estendere o meno il tuo periodo da au pair. Ti verrà chiesto di fare un piccolo quiz per verificare la tua compatibilità con il programma di estensione. Oggi vorrei condividere il modo in cui ho preso la mia decisione. Non è stata una scelta facile ed ero sopraffatta da sensazioni molto contrastanti.

 

Ero in treno, di ritorno da New York per le lezioni del fine settimana, quando ho ricevuto l’e-mail da Cultural Care. Così feci il test e ottenni subito il risultato. Mi fu consigliato di prendere in considerazione il programma di estensione. Non sapevo davvero cosa fare. Da una parte, mi mancava la mia famiglia di origine e sarebbe stato bello tornare a casa. Dall’altra parte, questa era sicuramente la migliore esperienza della mia vita finora e sentivo di avere ancora tanto da scoprire … e di non essere ancora pronta per ripartire.

 

Ne parlai a lungo con i miei amici e con la mia famiglia nel mio paese d’origine in Svezia, ma anche qui in America. E ricordo le poche parole che mio padre mi disse e che mi aiutarono molto nel prendere la decisione: “Stai pensando all’estensione e ciò significa che non sei ancora pronta a fare ritorno a casa. Questo è il tuo momento, sfruttalo il più possibile. Goditelo al massimo e noi saremo ancora qui quando arriverà l’ora per te di tornare a casa.” Così, decisi di estendere. Ma il processo decisionale non era ancora concluso.

 

La domanda successiva era se volevo estendere con una nuova famiglia o rimanere con la mia attuale famiglia ospitante. Così, ricominciarono i pensieri. Mi piace molto la canzone del primo film dei Descendants: “un milione di pensieri nella mia testa, devo lasciare che il mio cuore continui ad ascoltare?” – Mal dal film Disney’s Descendants. Avevo davvero la testa piena di mille pensieri. Mi piaceva davvero molto la mia attuale famiglia ospitante, avevo dei buoni amici e facevo parte del gruppo di danza locale. Avevo qui la mia vita ed ero davvero felice, ma desideravo anche conoscere altre parti del paese…. vivere qualcosa di diverso.

Così feci una lista di tutte le cose positive dell’estendere con una nuova famiglia anziché rimanere con la mia attuale famiglia.

 

Nuova famiglia 

  • Nuove esperienze
  • Nuovi amici
  • Vedere un posto nuovo
  • Poter scegliere il posto

 

Famiglia attuale

  • Conoscere la zona senza GPS
  • Buoni rapporti con la mia famiglia ospitante
  • Avere buoni amici
  • Il mio gruppo di danza

 

La mia attuale mamma ospitante mi incoraggiò a scegliere una nuova famiglia. Mi disse: “se fossi in te, vorrei fare nuove esperienze e vedere più cose del paese. La vita qui nella fattoria andrà avanti e continuerà ad essere sempre come al solito.” Finalmente presi la decisione di lasciare tutto, ancora una volta, e andare a vivere con una nuova famiglia. La cosa mi spaventava, ma era comunque entusiasmante. Ho vissuto due diverse esperienze da au pair in una!

 

Era arrivato il momento di compilare la domanda di estensione. La seconda domanda riguardava la durata dell’estensione: 6, 9, o 12 mesi. Pensai che 6 mesi, per me, sarebbero stati troppo pochi per entrare davvero nel vivo della nuova famiglia, nella loro routine e tutto il resto. Così mi rimanevano le opzioni da 9 o 12 mesi. Scelsi 12 mesi. Non so esattamente perché, ma mi sembrò la decisione giusta da prendere.

 

Ho parlato di estensione con diversi ragazzi alla pari e ognuno di loro ha scelto di estendere o non estendere per motivi del tutto differenti. Siamo tutti diversi, naturalmente, con le nostre vite e le nostre esperienze personali. Alcuni decidono di non estendere perché gli manca la loro vita nel paese di origine, magari hanno un lavoro, un appartamento o persino un ragazzo o una ragazza che li aspetta. Personalmente, penso che un sacco di au pair abbiano paura di non riuscire a trovare un nuovo “abbinamento perfetto.” Io per esempio so che avevo paura! Mi sentivo a casa con la mia attuale famiglia e non ero certa di riuscire a trovarne un’altra che fosse valida quanto la prima.

 

Che tu stia valutando di estendere o meno, fai una lista delle cose positive e valuta bene le tue opzioni. Non ti focalizzare sulle cose negative, concentrati solo su quelle positive. É sempre più facile andare in un posto nuovo che abbia un sacco di cose positive rispetto a uno con tante cose negative.

 

Sii un po’ folle. Hai già lasciato il tuo paese d’origine una volta e sei sopravvissuto, quindi per quale motivo non dovresti essere in grado di farlo di nuovo? Gli addii sono sempre difficili, ma ricorda che grazie ai social media il mondo è diventato molto più piccolo. Rimarrai in contatto con amici e familiari. Condividerai le tue esperienze con loro e loro saranno sempre lì a sostenerti.

 

É difficile prendere una decisione da soli; dopotutto, è una decisione importante da prendere. Potrebbe avere la stessa capacità di cambiarti la vita della decisione di diventare un au pair! Ascolta il tuo cuore e ricordati di fare ciò che ti rende più felice. Non sentirti in colpa se deciderai di andare con una nuova famiglia. La tua attuale famiglia ospitante vuole solo che tu sia felice alla fine. Questo è il tuo momento, la tua possibilità, la tua esperienza di vita. Nessuno può portartela via, quindi ascolta il tuo cuore e fai ciò che ti dice di fare. Qualunque sia la cosa che ti rende più felice sarà la decisione giusta per te.

Più popolari

Altre Storie

A line drawing of a gumball machine

Pronta per l’avventura?

Inizia la tua application oggi e fai un passo in più per diventare un’au pair negli USA. Comincia il prossimo emozionante capitolo della tua vita!

Inizia