• Storie
Pubblicato May 10, 2019

Accudire un neonato

Perché è così speciale avere un neonato come bambino ospitante

Di Vanessa Johana Villa Parra

Quando iniziai a pensare alla possibilità di diventare una ragazza alla pari, avevo tantissime aspettative per questa esperienza. La lingua, conoscere nuova gente e viaggiare, ma il pensiero più importante era l’età che avrebbe avuto il mio bambino/a ospitante. Sono tanti i fattori da considerare durante la scelta della famiglia ospitante, e l’età dei bambini di cui prendersi cura è sicuramente una delle cose più importanti! Dopotutto, i bambini saranno sempre le persone più vicine a te durante tutta la tua permanenza negli USA.

 

Sono cresciuta con una sorella minore e per me è stata una grande avventura. Ogni giorno avevo la possibilità di vivere qualcosa di nuovo: il suo primo sorriso, i suoi primi balbettii, la prima volta che provò a camminare, la sua prima parola…. Quel genere di cose che ti fanno sobbalzare il cuore. È incredibile la velocità con cui crescono ed è altresì meraviglioso poterli osservare mentre raggiungono i loro traguardi. Questa è una delle ragioni per cui ho deciso di lavorare con un neonato.

Creare un legame con un neonato

 

Prendersi cura di un neonato significa avere la capacità di amare in maniera incondizionata, essere coraggiosi e avere la pelle dura. I neonati hanno bisogno di qualcuno che gli mostri come funziona il mondo, come camminare, come parlare, ma cosa ancora più importante, qualcuno che gli insegni ad essere una persona amichevole, cordiale e gentile. Il fatto di avere un buon modello da seguire svolge un ruolo significativo nel determinare il tipo di persona che quel bambino diventerà.
Non è necessario leggere centinaia di libri sui bambini per imparare a conoscere il tuo bambino ospitante, perché instaurare un forte legame è esattamente quello che serve per sapere esattamente ciò che vogliono in un determinato momento. I bambini ti aiutano a migliorare la tua capacità di comunicare senza utilizzare le parole, perché sì, anche noi possiamo imparare da loro!

 

Scegliere di prendersi cura di un neonato

 

Come ragazza alla pari, ho imparato un sacco di cose sulla cultura americana, su come perfezionare la lingua inglese, su come prepararsi per un weekend fuori porta e su come conoscere gente; ma allo stesso tempo ho imparato a conoscere me stessa. Attraverso la mia piccolina, ho scoperto la mia capacità di amare immensamente anche chi non è un componente della mia famiglia. Ogni giorno mi dimostra quanto siano importanti delle semplici coccole o quanto basti un piccolo sorriso per ribaltare una giornata difficile.

 

Quando iniziai la fase di colloqui con la mia famiglia ospitante, la mia bambina ospitante non era ancora nata. Erano tutti così emozionati all’idea di conoscere la loro bimba…. Vivere quel momento con loro è stato meraviglioso. Quando ricevetti la sua prima foto, fu come se la stessi aspettando da tantissimo tempo, anche se non era così. Crescerà sapendo che l’ho scelta prima ancora che venisse al mondo e che l’amerò per tutta la vita.

 

La vita in America con un neonato

 

La parte che amo di più del prendersi cura dei bambini è quella sensazione di libertà che questo tipo di lavoro ti regala. Come, ad esempio, la possibilità di scegliere cosa fare durante il giorno; alcuni giorni puoi andare a fare una passeggiata, un giro al parco, visitare un museo o semplicemente fare una corsetta con la migliore compagnia del mondo (il tuo bebè ospitante!). La maggior parte delle volte, il tuo orario di lavoro è sempre lo stesso e si svolge di solito durante il giorno, il che significa che il più delle volte hai la sera e i fine settimana liberi.

Au-Pair-con-bambino-infante

Alcune persone non considerano occuparsi dei neonati come una buona idea, perché non ti dà la possibilità di praticare e migliorare il tuo inglese, ma posso garantire che questo non è vero! Circondati di persone che ti spingano a migliorare le tue abilità linguistiche, come ragazzi alla pari provenienti da altri paesi che non parlano la tua stessa lingua, oppure babysitter americane che sono nel tuo stesso quartiere. Mantieni una mentalità aperta e non aver paura di parlare l’inglese con gli altri. Instaura un buon rapporto con i tuoi genitori ospitanti e parla con loro tutti i giorni; anche se si tratta solo del clima, alla fine tutto fa brodo. E ricordati che parlare non è l’unico modo con cui puoi apprendere una lingua. Puoi guardare la TV, i film, i video su internet in inglese. Se ti piace leggere, prova a leggere libri, riviste o blog in inglese, ti aiuterà ad imparare nuovi vocaboli e a migliorare la grammatica che utilizzerai parlando.

Attività da fare con un neonato

A volte, le persone pensano che prendersi cura di un neonato sia noioso, e questo perché sono convinte che i bebè non siano in grado di fare niente di divertente, ma non è affatto vero. Troverai tantissime attività da fare nel tuo quartiere, come corsi di nuoto che ti consentiranno di entrare in acqua con il tuo piccolo (credimi, è parecchio divertente!). Puoi anche approfittare dei corsi di musica per cantare con il tuo bimbo (e anche se pensi di non essere in grado, potrai divertirti a suonare gli strumenti e conoscere altra gente!) oppure uno dei miei preferiti, cioè l’ora delle favole (story time), solitamente organizzata nella biblioteca o nelle librerie locali. L’ora delle favole che mi piace di più è quella in cui le persone si travestono, suonano la chitarra, leggono i libri e cantano. Tutte queste cose messe insieme sono un po’ come una specie di teatro per bambini. Prendersi cura dei neonati può essere davvero divertente, basta solo trovare le giuste attività da fare insieme a loro.

Au-Pair-con-bebe-piscina

Nella mia esperienza da au pair, ho imparato a trovare le risorse dentro di me. Sono diventata più indipendente, più sicura e ho più fiducia nelle mie abilità. Posso dirti che ci saranno giornate difficili e che a volte la tristezza prenderà il sopravvento. Non tutti i giorni saranno meravigliosi, ma di fronte a una situazione difficile, pensa solo a ciò che ti ha portato qui, chi eri prima di arrivare e chi sei diventata. Fidati di me quando ti dico che i giorni buoni supereranno quelli brutti! Trasforma le situazioni difficili in un’opportunità di imparare di più su te stessa e ti prometto che non rimpiangerai nulla di questo viaggio meraviglioso.


Ciao a tutti, sono Vanessa e vengo dalla Colombia. Sono una ragazza alla pari a San Francisco, sono qui da oltre un anno e non rimpiango neanche un secondo di questa esperienza.  Sono una sognatrice sempre alla ricerca di nuove avventure e bellissimi ricordi. Sono felicissima di poter condividere la mia storia ed essere d’ispirazione per il maggior numero possibile di persone affinché anche loro scelgano di vivere questa esperienza fantastica.

Più popolari

Altre Storie

A line drawing of a gumball machine

Pronta per l’avventura?

Inizia la tua application oggi e fai un passo in più per diventare un’au pair negli USA. Comincia il prossimo emozionante capitolo della tua vita!

Inizia